Diablero: ironia e horror ma poca originalità.

Diablero, (2018), è una serie originale Netflix, da poco disponibile, tratta dal romanzo di Francisco Haghenbeck, ambientata in Messico.

Un telefilm assolutamente soprannaturale, paranormale, horror, thriller e metteteci tutto quello che volete.
Senza girarci troppo intorno si tratta di una storia che parla di demoni, sì, proprio così, delle classiche possessioni demoniache, ma attenzione, con qualche diversità.

Diablero è un giovane ragazzotto messicano che si procura da vivere facendo gli esorcismi. Esattamente lui libera il corpo della persona indemoniata non attraverso le classiche preghiere, ma con una serie di diciture molto più vicine alla stregoneria che a Dio, per poi intrappolare il demone, che fuoriesce sotto forma di fumo nero, all’interno di una bottiglia.

Non sono bottiglie speciali, eh. Si tratta di comuni bottiglie d’acqua, di liquore, insomma quello che capita, basta che siano di vetro e con un tappo, please, altrimenti il fumo scappa.

diablero_netflix

Fin dalla prima puntata, sono solo otto ahimè, si nota subito la nota ironica, che alleggerisce una storia che altrimenti apparirebbe come la messa in scena di un ripetitivo clichè.

Invece, complici le battute simpatiche e irriverenti di Diablero, alias Elvis Infante e la presenza di sua sorella, e di una ragazzina dal potere straordinario, ossia quello di controllare i demoni quando la posseggono, l’atmosfera si riempie di scene eclatanti, ma che catturano l’attenzione e rendono piacevole il tutto.
Ovviamente c’è anche la presenza di Dio, incarnata da un giovane prete che lotta per trovare la sua bambina.

Insomma, niente di nuovo all’orizzonte, ma tutto sommato una storia che regge, che mette adrenalina, che incuriosisce, e che fa anche sorridere.

diablero_poster_personaggi_3

Una serie che non pretende di sconvolgere, ma che offre quello che può. Molto inserita nel genere horror, un po’ splatter, che lascia poco tempo alla riflessione e molto all’azione.

Ambientazione perfetta, il Messico appare come un posto dimenticato da Dio e dalla civiltà. Demoni, streghe e i Diableri che si scontrano sullo sfondo di una dimensione surreale, ma che non è così distante dalla nostra realtà.

Perchè poi… in qualunque modo tu voglia chiamarli, bene e male si sporcano perchè siamo noi a sporcarli, siamo noi le loro facce e le loro anime. In tempi di condanna come in quelli di salvezza.

VOTO.
Generale: 
Azione: 👊👊👊
Sentimenti: ❤️❤️
Riflessioni: ✏️✏️
Consigliato: SI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...