Creed: pugni, testa e tanto cuore.

Creed, (2016), è un film che propone il ritorno sulla scena di Sylvester Stallone in veste di Rocky. Lo vediamo piuttosto invecchiato, e questa volta, alle prese con l’allenamento di un ragazzo molto giovane, figlio di Apollo Creed, suo storico avversario nel passato.

Rocky attualmente gestisce un ristorante e con non poche difficoltà deciderà di prendersi carico di questo ragazzo che all’apparenza sembra avere buone potenzialità di sfondare.

Ma i pericoli sono in agguato. Primo fra tutti la concorrenza, ovviamente.

Diversi sono i giovani pugili sulla cresta dell’onda e non è facile allenare il giovane in un ambiente piuttosto ostile, soprattutto nascondendo le sue radici, cioè il fatto che sia figlio di Apollo.

creed-critic-jumbo

Donnie non vuole rivelare a nessuno la sua identità perchè teme che vengano fatti ovvi confronti, impossibili paragoni, e che lui non sia all’altezza della fama del padre, considerato il più grande pugile di tutti i tempi.
Ma Rocky non si arrende. Lui non si arrende.
E alla fine a qualcosa si arriva.

Un film, che dalle premesse, appariva banale e scontato, ma che invece si rivela molto spontaneo, naturale, coinvolgente.

C’è un po’ di tutto all’interno. Dalla solitudine e alla rabbia della crescita all’interno di un riformatorio, essendo figlio illegittimo, a quel senso di rivalsa che batte forte nel cuore del nostro eroe e lo porta fino a chiedere umilmente l’aiuto di Rocky.

Non mancano i ricordi del passato glorioso, la musica che tanto ci ha deliziato dei film precedenti, ma senza esagerazioni, mantenendo la credibilità.

Stallone sembra ormai inserito perfettamente in quel ruolo, senza mostrare nessun tipo di punto debole. È essenziale, pulito, determinante in questa posizione – direi necessario. Fa tutto con molta naturalezza, e rispetto ad altri ruoli interpretati ultimamente, si vede che Rocky ce l’ha nel sangue.

Lo stesso vale per il giovane che mostra tutta la sua ingenuità, la sua forza e il suo valore.

10563082-3x2-700x467

Sarà come il padre o non lo sarà?
Difficile dirlo. Di certo il pugilato è uno sport completo, che impegna mente e corpo.
E soprattutto impegna il cuore.

Ai protagonisti di questo film, il cuore non manca. Batte fino alla fine.
E se siete curiosi di come andrà a finire, proprio in questi giorni è uscito Creed 2, perchè la strada per la vittoria è ancora lunga.
Ma tanto.
Ciò che conta è non smettere mai di lottare.

Voto:
Generale: /2
Azione: 👊👊👊👊
Emozioni: ❤️❤️❤️
Riflessioni: ✏️✏️
Suspense: 😮
Consigliato: SI.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...