Freud: io sono il mio desiderio più profondo.

Freud, (Netflix, 2020), è una serie incentrata sulla vita e sulle scoperte in campo psicanalitico e psichiatrico del grande filosofo Sigmund Freud.
Un uomo nato nel 1856 in Germania che lavora all’interno di un ospedale per pazzi e che studia in modo particolare l’ipnosi per curare una malattia molto diffusa all’epoca: l’isteria.

L’isteria era guardata con grande sospetto e, come afferma il suo stesso professore, veniva associata a una particolare situazione di sofferenza di un organo del corpo, ad esempio l’intestino, il fegato, il cuore, e mai il cervello.

Oggi, proprio grazie agli studi ribelli e anacronistici di Freud, e grazie alla sua volontà di non mollare le sue teorie rivoluzionarie, sappiamo che l’isteria come malattia in sè, cioè legata a un organo del nostro corpo, non esiste. Bensì è semplicemente uno stato di sofferenza psicologica, che ha sede nel cervello e che poi, di conseguenza, per una sorta di assuefazione e di convinzione da parte del paziente colpito, può riversarsi anche in una parte de corpo.

freud-recensione-serie-austriaca-netflix-v3-47864

Un esempio molto pratico e semplice per capire la teoria rivoluzionaria di Freud è una donna che non muove più le gambe. Lei è convinta di essere paralitica e il suo cervello le impedisce realmente di muoversi. In realtà non c’è nessuna menomazione negli organi fisici, bensì quella sorta di blocco fisico, che parte dal cervello, è dovuto a un trauma passato ad esso collegato.
E qui entra in gioco il concetto dell’inconscio.

Proprio su di esso e sulle scoperte del giovane medico che si concentra la serie tv.
Freud è giovane, vive da solo e ha pochi amici. Ha una donna che lo assiste nelle faccende domestiche e un lavoro che lo tiene impegnato continuamente. Purtroppo però, ha molti nemici, o almeno detrattori, che deridono le sue scoperte scientifiche.

Andando contro il suo stesso professore, pratica l’ipnosi, cercando così di riportare il paziente al momento del trauma e farglielo superare in uno stato di incoscienza, in modo che nella realtà, una volta risvegliatosi dall’ipnosi, egli abbia superato il suo stato di sofferenza.
Purtroppo però, Freud non ha ancora perfezionato la sua tecnica e colleziona soltanto risultati ridicoli.

freud-netflix-serie-tv-4

Fino a quando non incontra Fleur. Una giovane medium adottata da una famiglia di nobili decaduti ungheresi che la sfruttano per fare sedute spiritiche con cui intendono impressionare le persone facoltose, in modo particolare il principe austriaco.
Essi mirano a entrare nelle sue grazie perchè hanno un piano diabolico da realizzare e Fleur, estremamente sensibile a essere soggiogata, ipnotizzata e controllata da una mente più forte, è il loro unico mezzo per raggiungere lo scopo. Non si fermeranno davanti a nulla, nè alla morte, nè al sangue, per realizzare il loro sogno, tutto in nome della libertà dell’Ungheria dal predominio dell’Austria.

Freud rimane folgorato da Fleur, tra di loro si stabilirà una connessione molto forte che permetterà al medico di perfezionare finalmente la sua tecnica di ipnosi e scoprire molto altro su ciò che si cela dietro la figura misteriosa della medium.

freud-7

Le atmosfere sono gotiche, dark, oscure; horror, thriller, dramma e un pizzico di erotismo, nemmeno tanto velato, si mescolano sulla scena rendendo questa serie molto accattivante, mai ripetitiva e anche parecchio esigente dal punto di vista dell’attenzione richiesta.
Infatti in gioco ci sono simboli antichi, poteri esoterici, orge mistiche e profane, adorazione del sacro e del dannato, duelli violenti, e omicidi senza un’apparente spiegazione.

Tutti sono al servizio di qualcosa, anche se non sembra.
C’è qualcosa di grande, di potente e di invisibile che aleggia sulle teste di tutti, spingendoli a compiere azioni al di fuori di ogni logica.
L’immoralità prende il sopravvento e l’istinto diventa irrefrenabile.

Ho apprezzato molto la scelta di collegare il percorso conoscitivo dell’inconscio che sta alla base della teoria di Freud con la rappresentazione dei personaggi che lentamente mostrano la loro natura: una natura istintiva, appunto.
L’istinto, l’inconscio sono la chiave di tutto, esattamente come negli studi di Freud.

netflix-serie-201cfreud201d-sujet-plakat-19to1

Una serie che non delude. L’ho amata subito e ne sono rimasta folgorata. È buia, cruda, a volte persino soprannaturale, ma a tutto c’è una spiegazione comunque realistica.
Del resto se in alcuni momenti certe scene sono portate all’estremo, è solo per rendere chiaro a tutti, lo scopo: la prevaricazione dell’inconscio su tutto, persino sulla vita stessa.
In fondo non era quello che affermava lo stesso Freud? La nostra vita è controllata dall’inconscio, dai desideri repressi, dalle voglie taciute, dai traumi del passato che ci tormentano.

In questa serie, Freud è scaltro, a volte un po’ troppo ingenuo, preda facile degli istinti sessuali, ma è anche un uomo con grandi e folli idee, che alla fine decide di lottare per la sua ideologia, anche se questo gli costerà tutto.

Un uomo che ha rivelato la verità su ciascuno di noi. Ha dato potere all’inconscio e ha ammesso ciò che nessuno avrebbe mai avuto il coraggio di ammettere.
“Quello che desideriamo davvero, nel profondo, otterremo. Nel bene o nel male. O viceversa. Si può sostenere che ciò che una persona è diventata, era in realtà il suo desiderio più profondo.”

Ricordatevi: nel bene e nel male.

VOTO.
Generale: ⭐⭐⭐⭐
Riflessioni: ✏️✏️✏️✏️✏️
Emozioni: ❤️❤️❤️❤️❤️
Suspense: 😮😮😮😮😮
Azione: 👊👊
Consigliato: SI.

freud--stagione-1_notizia-2

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...