The Reader: quando le parole scritte valgono una vita.

The Reader (2008), di Stephen Daldry, regista di Billy Elliot e The Hours, è un film tragico e allo stesso tempo pieno di speranza dal punto di vista culturale. Un’interpretazione perfetta quella di Kate Winslet, Hannah nel film, che accoglie a casa sua, un ragazzo come tanti da cui è particolarmente attratta. In una Berlino piovosa e fredda, nella sua umanità come nella sua moralità, Micheal è un giovane studente che ama i classici e che si ritrova per caso ad aver bisogno di aiuto e proprio la donna lo salverà.

Da un incontro fortuito, tra i due nascerà un legame basato sia sull’aspetto sessuale che su quello dello scambio culturale.

Purtroppo non posso rivelare molto, perché tutto si gioca proprio nella prima parte del film, quella dedicata alla relazione tra i due protagonisti.

Hannah ama ascoltare Michael leggere i classici, i due consumano i loro pomeriggi scambiandosi evidenti effusioni sessuali e poi dopo leggendo ed immergendosi in atmosfere passate e lontane.

The Reader

Ci si chiede per quale motivo, una donna così bella, di un’età ovviamente maggiore, sia tanto affascinata da un giovane come tanti e soprattutto gli chieda in continuazione di leggere per lei.

La chiave della storia è tutta lì.

Nella seconda parte del film, si affronta un aspetto totalmente diverso, necessario però, per comprendere la personalità e la storia di Hannah. C’è un processo, Hannah ha passato anni in carcere e c’è di mezzo l’Olocausto.

C’è solo una cosa che può fare di noi degli esseri completi e quella cosa è l’amore.

Ebbene sì, The Reader non è assolutamente la solita storiella d’amore, è un film molto forte, che oltre ad affrontare un amore ovviamente proibito, quello tra una donna matura e un ragazzo molto più giovane, abbraccia un momento storico estremamente delicato come quello dell’Olocausto.

I sensi di colpa sono molto forti e riguardano sia Hannah, a causa delle scelte che è stata costretta a fare, sia Micheal che poi crescerà e rincontrerà dopo tanto tempo quella donna, profondamente cambiata, ormai stanca, distrutta e sul punto di morire, e avrà la possibilità di salvarla.

Il problema è proprio questo: la salvezza.

Cosa siamo disposti a perdere per salvare chi amiamo?

Hannah salva Micheal nella prima parte del film e insieme si scoprono l’un l’altro, senza riserve. La donna, pur avendo tanti segreti, lo accoglie dentro di sé e nella sua casa, prendendosi cura di lui e chiedendogli solo le parole in cambio.

Le parole scritte.

Micheal, quando avrà la possibilità di salvarla, lo farà?

Lascio a voi l’occasione di scoprirlo.

TheReader1

The Reader è un film sul potere della parola, l’amore per la lettura e il modo contorto e doloroso in cui i sensi di colpa e l’onestà verso se stessi si mescolano sullo sfondo di una storia terribile come quella realmente accaduta.

L’interpretazione di Kate Winslet è magistrale, inquieta, silenziosa ma sicuramente forte e determinata. Una donna che non si piega e che rischia. Ralph Fiennes che interpreta Micheal da grande, è cupo, contrito, legato ad una famiglia che non vuole, perché ha sposato una donna che non ama e perché nella sua mente c’è sempre un piccolo angolo che non dimentica: Hannah.

Non è un film comune, può anche non piacere, anzi facilmente credo che sia così, ma è una storia profonda, che si muove sotto la superficie e che più che guardare, vi chiede di ascoltare.

Shh… silenzio e fatelo.

Non ve ne pentirete.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...