A Star Is Born: nessuna stella che nasce. Qui si muore. Di noia.

A Star Is Born, (2018, Bradley Cooper), è un film di una lentezza struggente.

Ogni volta che vedevo una scena che cambiava speravo che fosse il momento giusto per avere finalmente la svolta. Non me ne vogliano i grandi fan di questo film, ma per me è stato di una banalità senza precedenti.

Un inizio uguale a mille altri film, con il cantante di successo di turno, bello, un po’ dannato, ovviamente alcolizzato, che canta e accende la folla con la sua conturbante e sexy voce.

Nulla togliere all’interessantissimo Bradley Cooper, sia come fisicità che come interpretazione, ma la banalità del ruolo e della trama ridicolizzano necessariamente la sua presenza all’interno della pellicola.

Passiamo a lei, l’incredibile Lady Gaga.

asib-4.jpg

WHAT?!

Certo, è proprio lei, che fa, udite udite, la cameriera e si arrabbatta un po’ qui e un po’ lì per sbarcare il lunario. Naturalmente sul luogo di lavoro è trattata senza rispetto e – urliamo ancora al clichè dei clichè – come migliore amico ha un collega di lavoro che guarda caso conosce il famigerato cantante.

Che fortuna, eh?

Peccato che queste cose nella realtà non succedano mai, ma andiamo per gradi perchè l’evoluzione della storia ha dell’incredibile.

Insomma, come si conoscono i due protagonisti?

In un locale di trans, dove questi omaccioni travestiti, tutte tette e bocche rosse, cantano a favore di un pubblico eterogeneo e ben disposto.

La nostra principessina Gaga, guarda caso è l’UNICA donna ammessa in questo locale alla quale i trans danno la possibilità di cantare. Perché in effetti è come dare da mangiare alla concorrenza eppure con lei sono disponibili, addirittura sono loro che la pregano di cantare.

Di nuovo: che fortuna, eh?

Ragazzi, ma non scherziamo, è Lady Gaga, mica una qualunque.

Tornando seri, lui e lei si vedono e lei canta.

CANTA, CANTA E CANTA.

Vi avverto, la maggior parte del film è fatto di canzoni.

Ma non canzoni, più che altro, voci.

Ma neanche voci, magari intonazioni.

Ma neanche intonazioni, diciamo vari strimpellamenti per mettere in evidenza la voce di Gaga.

Come se non la conoscessimo tutti a memoria. Buh!

Degradante e appallante. Vi prego.

Insomma bando alle ciance, lui rimane letteralmente folgorato da lei. Dal suo viso e dalla sua voce.

Le scene seguenti sono tutte un continuo alternarsi tra pesanti silenzi contornati da sguardi ammiccanti e sorpresi, canzoni sconosciute e qualche parolina buttata qui e lì.

L’unica cosa che rimane impressa è il volto di Bradley Cooper da pesce lesso.

Perché è esattamente così che guarda la sua Gaga dall’inizio alla fine.

Cosa succede poi?

Dovete scoprirlo da soli!

Vi dico solo che, giusto per non perderci nessun clichè, lui, da famoso e pieno di successo quale è, si porta lei dietro durante il suo tour in giro per il paese e ovviamente la fa cantare!

Che ve lo dico a fare!

E nonostante, come dice lei, in passato abbia avuto tanti di quei rifiuti dalle case discografiche perchè attenzione, il suo naso è BRUTTO, Bradley Cooper di quel naso s’innamora.

E così le fa scalare le vette del successo.

star_is_born_ver2_xxlg.jpg

Vi risparmio i vari provoloni di turno sull’alcolismo, sul dannato, sulla mancanza di fiducia e sulle innumerevoli banalità che seguono.

Vi dico solo una cosa. Anzi, vi faccio una domanda.

Avete mai sentito di una star della musica internazionale che si sia innamorata di una qualunque, nemmeno con questa voce chissà cosa, e l’abbia portata al successo, sacrificando se stesso per lei?

Io non ho mai sentito nulla del genere.

E mi meraviglia ancora una volta di come la gente si lasci incantare da questi film o dai libri, che parlano sempre delle stesse cose.

Amici miei, COSE IMPOSSIBILI.

Certo, direte voi, servono per sognare, per evadere.

Eh, ma quando vogliamo svegliarci da questi sogni? E provare qualcosa di nuovo?

Finchè la banalità, le cose trite e ritrite e le  storie sempre le stesse, avranno la meglio, la mente umana tenderà sempre di più a chiudersi.

Non si cresce, non ci si evolve.

Altro che A star is born.

Qui si muore.

Di noia.

Perdonatemi, non ho nominato nemmeno una volta i nomi dei protagonisti.

E chi se li ricorda.

VOTO.
Generale: 
Azione: 👊
Sentimenti: ❤️
Riflessioni: ✏️
Consigliato: NON PERVENUTO.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...